" />


Alimena (Pa) – L’ A.S.D. Alimena dopo 9 anni rinuncia al campionato

Alimena (Pa) - L' A.S.D. Alimena dopo 9 anni rinuncia al campionato

L’A.S.D. Alimena ha rinunciato ad iscriversi al prossimo campionato di calcio 2013/2014 di Seconda Categoria, la cui scadenza era fissata per venerdì scorso, 20 settembre. La notizia, da tempo nell’ aria, ha trovato conferma nelle parole pronunciate dal presidente Castrenze Calascibetta: “Purtroppo, la situazione debitoria della società, nonostante il neo-Sindaco ci abbia devoluto 4 mesi della sua indennità, la mancanza di investitori a supporto del nostro progetto, una risposta spesso poco credibile della giustizia sportiva, gli impegni personali della dirigenza e non di meno la scorretta strumentalizzazione che i cinici e mediocri “pupari” della politica alimenese hanno messo in campo durante la recente campagna elettorale, infangando meschinamente il lavoro di parecchie persone, ci hanno costretto, con grande rammarico, a prendere la drastica decisione di accantonare l’attività agonistica”. ”Orgogliosi di avere sempre risposto a quella esigenza di sussidiarietà, di cui il nostro ente comunale necessita – continua – sia con la pratica sportiva e i suoi benefici e sia con azioni sociali e di solidarietà che hanno regalato una ragione di vita a quella gente ”sofferente” che nella “squadra” aveva trovato un’ ancora di salvezza contro le difficoltà della vita, vorrei abbracciare uno ad uno tutti i miei compagni di un viaggio durato nove anni e ringraziare gli sponsor, le amministrazioni passate (Enzo Albanese,anche come ex-presidente, in particolare) e soprattutto i giocatori, per le bellissime emozioni vissute in questi anni. Spero – conclude - che questo patrimonio di professionalità, di immagine e di visibilità internazionale per Alimena – grandiosa la nostra redazione!! - possa trovare nuovi e degni sostituti in grado di non disperderlo.”

alimena 2004

Nella speranza che un patrimonio di così alto valore storico-sociale - immortalato, a beneficio dei posteri, con più di 300 video e 5000 foto – possa trovare nuova continuità, l’ A.S.D.Alimena, con le lacrime agli occhi, passa il testimone, fiera di aver contribuito a migliorare la qualità della vita di una intera comunità, con la sola forza dell’entusiasmo, della dedizione e della passione per i colori giallo-verde di quanti hanno pianto e gioito con essa.

sito web A.S.D.Alimena www.asdalimena.com
canale youtube A.S.D.Alimena Canale TV A.S.D.Alimena
pagina facebook A.S.D.Alimena Pagina facebook A.S.D.Alimena
Curriculum A.S.D.Alimena
UN CALCIO ALLA DISTANZA – Raduno alimenesi al nord
Festival Natalizio
L’articolo di Claudio Cirino del 2004
Intestazione campo a Rosario Di Prima

Tutte le gare 2004-2013

primo raduno spareggio 2009 alimena 2011 u zu santu redazione alimena gangi alimena 2008 alimena 2008 alimena 2008 alimena 2008 spareggio seconda alimena 2008 caltanissetta intestazione campo alimena 2004 primo spareggio
Nella stagione agonistica 2012-2013
- Campionato seconda Categoria (calcio);
- 9° Festival Natalizio 2012;

Nella stagione agonistica 2011-2012:
- Campionato seconda Categoria (calcio);
- Alimena Carnevale 2012;
- 8° Festival Natalizio 2011;

Nella stagione agonistica 2010-2011:
- Campionato seconda Categoria (calcio);
- Un calcio alla distanza 2011;
- Alimena Carnevale 2011;
- 7° Festival Natalizio 2010;

Nella stagione agonistica 2009-2010:
- Campionato prima Categoria (calcio);
- 6° Festival Natalizio 2009;

Nella stagione agonistica 2008-2009:
- Campionato Seconda Categoria (calcio);
- 5° Festival Natalizio 2008;
- Una giornata al parco 2008/09

Nella stagione agonistica 2007-2008:
- Campionato Terza Categoria (calcio);
- Un calcio alla distanza 2008;
- 4° Festival Natalizio 2007;
- Una giornata al parco 2007/08;

Nella stagione agonistica 2006-2007:
- Campionato Terza Categoria (calcio);
- 3° Festival Natalizio 2006;

Nella stagione agonistica 2005-2006:
- Campionato Terza Categoria (calcio);
- Un calcio alla distanza 2006
- 2° Festival Natalizio 2005;
- Una giornata al parco 2005/06;

Nella stagione agonistica 2004-2005:
- Campionato Terza Categoria (calcio);
- Un calcio alla distanza 2005;
- 1° Festival Natalizio 2004;
- Una giornata al parco 2004/05;

© 2013, www.alimenaonline.eu. Tutti i diritti riservati.

Torna su

Tag:



TRADUCI ARTICOLO


ARTICOLI CON LO STESSO TAG
  • 14 Gennaio, 2012
    Alimena – Totò Schillaci in giro per il paese
  • 26 Luglio, 2011
    Un Calcio alla Distanza 2011 (4° Raduno Alimenese al Nord) – Foto e video
  • 2 Luglio, 2011
    Un Calcio alla Distanza (4° Raduno Alimenese al Nord) – Edizione 2011 Luglio 17 (video)
  • 16 Giugno, 2011
    A.S.D.Alimena – Chiusura Stagione Sportiva 2010/11
  • 18 Settembre, 2008
    A.S.D.Alimena – Stagione Sportiva 2008/09: al via il Campionato di Seconda Categoria
  • 13 Luglio, 2008
    Un Calcio alla Distanza (3° Raduno Alimenese al Nord) – Edizione 2008 Luglio 13 (video)
  • 26 Giugno, 2008
    A.S.D.Alimena – Festa di chiusura Stagione Sportiva 2007/08
  • 16 Giugno, 2008
    A.S.D.Alimena – Stagione Sportiva 2007/08 – Vinti gli spareggi: siamo in Seconda Categoria
  • 16 Luglio, 2006
    Un Calcio alla Distanza (2° Raduno Alimenese al Nord) – Edizione 2006 Luglio 16 (video)
  • 17 Luglio, 2005
    Un Calcio alla Distanza (1° Raduno Alimenese al Nord) – Edizione 2005 Luglio 17 (video)
  • 30 Commenti su “Alimena (Pa) – L’ A.S.D. Alimena dopo 9 anni rinuncia al campionato”

    1. domenica 27 inizierà una nuova avventura x la nuova società e squadra di calcio, credo che sia il caso di farci un grosso in bocca al lupo. Una vecchia società è andata via, ed una nuova ne è nata. l’importante è che non muoia il calcio ad alimena, xke i ragazzi ci sono, esistono (sabato eravamo in 27 al campo)ed han voglia di giocare. Il calcio è uno sport che unisce e divide, in cui lo strumento fondamentale è la PALLA, ma una cosa è certa non ha e non deve avere campanilismi politici, quindi su di morale, bando alla chiacchiere e impegnamoci in questa nuova avventura.

    2. Mi perdoni vanessa,ma l’alzata di mano di Giovanni, gesto gravissimo, non me lo può negare, poi su tutto si può dibattere. ma gradirei che fosse qualcuno che crede di contare ad alzare il livello comportamentale, culturale e sociale. noi, siam così…..poveri spettatori non paganti. o forse si.

    3. Mi perdoni sign Ringo ma io le posso dire e le assicuro ke non è assolutamente vero quello ke lei scrive… Nessuno è stato messo fuori dalla porta anzi… E comunque mi sembra proprio di vivere il disagio italiano per due volte… L’Italia è in fallimento, c’è una crisi bestiale, al governo si litigano e la cosa primaria è parlare del processo di Berlusconi, così è ad alimena… Già abbiamo tantissimi problemi, la società è divisa in due, i finanziamenti vengono a mancare perché ci sono tagli e voi di cosa parlate?! Di Giovanni ke va al comune in pantaloncini…??!! Non me ne volete ma per me si sta scendendo a livelli bassissimi e sicuramente non sarà un bene per il nostro paese…

    4. Vanessa ha avuto il coraggio di dire quello che molte persone di buon senso vorrebbero dire e cioe’:BASTA!!!
      IO amo Alimena con i suoi colori i suoi profumi la sua gente.
      Come “STOLTO”dico che molto è cambiato ,soprattutto negli atteggiamenti e sicuramente non in meglio.
      Ho manifestato questo mio disagio a chi si ostina ancora a credere ai “Venditori di sogni,”ma è stato inutile.
      “Stolto “saggiamente dice che bisogna glissare sulle vicende personali per costruire qualcosa INSIEME.Al suo cartello:”"PAESE LIBERO DALLO SPORT”vorrei aggiungere:”E DALLA CULTURA DEL RISPETTO”.
      Vorrei leggere insieme a voi le parole di Giovanni Falcone.
      -Perché una società vada bene,si muova nel progresso,nell’esaltazione dei valori della famiglia,dello spirito, del bene,dell’amicizia,perchè prosperi senza contrasti tra i vari consociati,per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore,basta che ognuno faccia il suo dovere.
      Tutti possiamo fare qualcosa.-
      Con tristezza condivido quello che ha scritto il 23 settembre”RICORDIAMOCI DEL ROSARIO”

    5. Io mi associo al discorso di Vanessa per quanto riguarda la critica sicuramente non porta a dei risultati positivi ma è pure vero che qualcuno ha criticato o meglio si e divertito a infangare delle persone che hanno fatto dei sacrifici per mandare avanti la squadra impegnandosi al massimo. purtroppo nella vita esistono persone che i sacrifici fatti da altre persone non li apprezzano e cercano sempre di distruggerli. Io voglio chiudere questo mio commento augurando a queste persone che si sono divertite a criticare l’operato degli altri che nella loro vita trovino un modo per far capire alle persone quello che sono capaci di fare

    6. apprezzare?voce del verbo “mettere alla porta un gruppo di persone infangandoli per prendere il loro posto”?certo che date un buon esempio di umilta’ e saggezza.seminate,seminate…

    7. Siete sempre più ridicoli… Qst é il paese di alimena… Qst é il popolo ke ci vive… Purtroppo non siamo mai stati capaci di apprezzare quel piccolo ke ci viene offerto… La critica è stata sempre più distruttiva… E qst sono i risultati… Peggio di così penso ke non possiamo vivere in un paese di quattro anime.

    8. : Il ringraziamento va a tutte le persone che hanno creduto in questo progetto ed a coloro che ne vorranno far parte…le porte sono aperte a tutti.

      scritto dal nuovo presidente su fb.ora fatemi capire:se le porte sono aperte a tutti,perchè le avete chiuse a chi gia’ aveva le chiavi di casa?c’era bisogno di aprire altre porte e sfrattarli in malo modo?se sono aperte a tutti si poteva convivere e continuare quello che esisteva da 9 anni.a che è servita l’alzata di mano dell’illustrissimo vice-presidente in pantoloncini?voi e la coerenza?un connubio STUPEFACENTE !!!!

    9. Caro Giovanni
      Quante volte ci si è soffermati a dialogare davanti al Pub di Alimena!
      Ricordo con sommo piacere gli episodi in cui ti dicevo la mia sui famosi cunta valati e tu difendevi a spada tratta il popolo di Alimena!
      In un paesino di circa 2000 anime, bisognerebbe glissare sulle vicende personali(spesso ripicche inutili) e pensare solo a far qualcosa INSIEME(caspita non ricordo se è una frase di Amare o Rinnoviamo).
      Ora ti senti offeso e deluso da una parte della comunità che fa parte della C.d.U.(cani di l’urtulanu).
      Voglio ricordare a te e a tutti quelli che hanno pensato(e fatto) qualcosa per il paesino, la persona di Rosario Di Prima.
      Anche lui, con l’aiuto di altri dirigenti, portava avanti una squadra con tantissime difficoltà. Erano altri tempi ma, proprio per questo, ci metteva tantissimo impegno nel gestire una squadra e un’emittente(radio) locale.
      Anche lui aveva avversi interlocutori della C.d.U. e non puoi capire quante minchiate si dicevano sul suo conto.
      (come leggi cambiano i tempi ma la gente dice sempre le stesse minchiate)
      Se vi arrendete fate solo il gioco dei C.d.U.
      Ps. All’ingresso del paese metterei sotto il cartello ”Benvenuti ad ALIMENA” la scitta ”paese libero dallo sport”.

    10. Auguri al nuovo Presidente al quale volevo porgere alcune domande:
      Ma la selezione dei giocatori viene fatta per alzata di mano?
      Ma Enzo Albanese può giocare o prima deve chiedere il permesso al politico DiMaggio e al suo compagnetto di merende Gandolfo ?
      Ma per poter giocare bisogna essere residenti ad Alimena o bisogna il certificato storico di residenza?
      Come procede la costruzione del muro di cinta del paese?
      Non ci credo che un uomo come il sindaco possa aver detto di volere una squadra di soli Alimenesi, non rientra nella mentalità sua e della sua compagna lavoratrice.
      Buon rinnovamento a tutti.
      .

    11. Beh! Che dire!! Avrei voluto festeggiare il 10° anno dell’A.S.D.Alimena e invece, un paio di miei compaesani hanno pensato bene, con un lavoro minuzioso e certosino, non solo di toglierci di mezzo dagli scenari politici (vedasi Enzo Albanese) ma anche di infargarci e facendoci passare, quasi quasi, per dei delinquenti! Posso accollarmi tutto, che Enzo Albanese sia fuori dalla macchina politica perchè al dottore Stracci servivano i voti, e li ha avuti, ma non permetterò a nessuno di infangare, ne la mia persona, nè tantomeno quella dei mie compagni di avventura.

      Questi compaesani, di cui non farò il nome, dovrebbero solo vergognarsi, la loro mediocrità e forse invidia (non capisco di che cosa) ha portato allo sfascio una delle più belle realtà esistenti di questo paese. Se mi chiedessero: ma esiste gente cosi cattiva ad Alimena? Risponderei, SI. Si, perchè non si può prendere di mira un gruppo di persone, che oltre a portare continua visibilità ad Alimena, ha anche avuto le capacità di muovere qualcosina in questo piccolo paese, fino ad arrivare a raggruppare circa trecento persone, ALIMENESI, in un paesino del nord!Per fortuna non sono tutti cosi!!

      Per chi non mi conoscesse, sono Giovanni Di Paola, un artigiano di Alimena e (ex)cameramen dell’ A.S.D.Alimena. Ho sempre speso il mio tempo libero (perdendoci anche dei soldi) riprendendo con una videocamera quasi tutti gli eventi di questo paese, compreso tutte (dico tutte), le partite della squadra. Sono stato sempre del parere che ogni cittadino dovrebbe dedicare un po’ del proprio tempo al bene collettivo, contribuire al miglioramento del luogo in cui vive, ma mi rendo conto di avere sbagliato posto!! Ad Alimena, purtroppo, fare tutto questo (e spesse volte mi è stato “dialogato” in piazza) “a gratis” non è possibile!! Ci doveva essere per forza qualche trucco dietro!

      Adesso vorrei rispondere a queste persone che ogni tanto facevano la battutina! Non c’era nessun trucco! L’unico trucco che avevamo era quello di essere una bella comitiva socialmente utile e lo scopo era quello di mantenere vivo un paese, per quello che si poteva, che tra crisi, disgregazione sociale, malumore generele, etc., avrebbe avuto ben poco da sperare per il futuro (parlo in generale e non riferito a questa amministrazione)! Aver messo in discussione la gestione della nostra associazione è soltanto ‘malignitità applicata’ e mi dispiace che molti giovani di questa nuova amministrazione si sono lasciati trasportare, giovani che fin’ora non ho mai visto partecipare in nessuna attività sociale di questo paese e spero non facciano la nostra stessa fine! Giusto per fare un esempio, settimana scorsa ho visto dei commenti su Giovanni Di Maggio dove rimarcava la paternità della creazione della squadra insieme ad altri, cosa che nessuno mai gli ha negato, io personalmente, a parte le difficoltà di ricevere un saluto da parte sua, non gli ho mai visto muovere un dito se non quello di venire al campo, giocare e a fine partita andarsene (come si fa in serie A), mentre per altri il lavoro continuava.. foto, pagelle, video, sito etc. etc..!! Bel modo di ringraziare! Non ho niente di personale verso Di Maggio, era solo un esempio e ne potrei fare altri, ma non capisco perchè ci frequentavano se dentro loro c’era tutto quest’odio verso noi! Mio nonno mi avrebbe detto, “un si sputa mai no piattu unni si mangia”! Spero che
      qualcuno adesso si passi la mano sulla coscienza e se è il caso anche chiedere scusa per come ci hanno trattato. Noi ci metteremo da parte, tutti servono e nessuno è indispensabile, i tempi cambiano e ci vogliono facce nuove, forse col tempo vi renderete conto dell’umiliazione che ci avete regalato gratuitamente, e nel frattempo vi autostimerete tra di voi, cosi vi sentirete appagati! Scusateci se siamo stati di intralcio e se vi abbiamo regalato un po’ del nostro tempo!

      Colgo anch’io, come Cecilia, l’occasione per ringraziare tutti i ragazzi della squadra, tutta la redazione, i tifosi veri, tutte le persone al Nord che hanno dato una mano alla realizzazione di “un calcio alla distanza” nei vari anni e tutti coloro che hanno dimostrato affetto e stima nei nostri confronti.

      Scusate per lo sfogo ma era doveroso.

    12. Cara Cecilia ,penso sia il caso di ribadirlo per l’ennesima volta per rinfrescare le idee a tutti.e lo dico senza far polemiche e non per cercare glorie(sarei un pazzo!!!!!!).il primo principio dei raduni era quello di radunare e coinvolgere TUTTI gli alimenesi .SENZA BARRIERE,SENZA VINCOLI IDEOLOGICI.SENZA PREGIUDIZIO,SENZA SCRUPOLI,tutti assieme uniti e felici sotto un simbolo giallo verde che in quei giorni rappresentava ciò che è caro a tutti gli emigrati:il paesello.i raduni sono sempre stati aperti a tutti e ribadisco a tutti,perché per me tutti sono alimenesi e non perdono occasione per dimostrarlo ogni attimo ed in ogni occasione.niente selezioni,niente cernite,tutti alimenesi ,tutti giallo verdi.grazie .un abbraccio a te,agli amici e a chi indossa virtualmente una maglia gialloverde .le selezioni dividono ,frazionano,riducono a centesimi.bisogna unire con parsimonia.basta
      P

    13. Indipendentemente da tutto, una riflessione apolitica: ci vuole 1 giorno per distruggere, 100 anni per ricosruire. Peccato.

    14. …..senza parole…..

    15. Non posso non lasciare un mio commento riguardo questa notizia. Il mio compito, tra i tanti, è sempre stato quello di fotografare, lasciare una traccia visiva dei momenti che l’associazione ha ideato, organizzato e vissuto insieme alla comunità. Aver dovuto abbandonare ora quelle attività che per tanti anni hanno fatto parte della mia vita non è stato facile per me!! e la squadra, purtroppo, è una di queste. Vorrei dire che, magari, le occasioni di collaborare in qualsiasi altra attività sportiva, sociale, culturale potranno continuare ad esserci e, anzi, mi piace pensare che ci saranno .. Ma al momento quello che posso dare per certo è solo la tanta amarezza per come molte cose si sono evolute, con riguardo alla nostra Associazione.
      Voglio qui precisare, con tutta la sincerità possibile, che tutto quello che ho fatto è stato fatto per pura passione, per la voglia di far parte di qualcosa di bello, pulito ed emotivamente appagante, come è stata questa Associazione in tutti questi anni. So che potrei sembrare “di parte”, ma chi mi conosce, e ancor di più chi mi conosce bene, comprese alcune persone che per troppo tempo hanno “maltrattato” e denigrato la squadra, sa che le parole che scrivo sono oneste e che non esprimo il mio parere sotto l’influenza di nessuno; le persone con cui ho vissuto questa esperienza sono tutte persone oneste, integre, con la voglia di spendersi per gli altri, senza nessun tornaconto personale, se non quello emotivo. Io, insieme a loro, ho trascorso gran parte degli ultimi sei anni ad occuparmi dell’Associazione e di tutto quello che c’è intorno ad essa e mi secca parecchio leggere o sentire parole che infangano il mio “lavoro” e quello di parecchi associati. Mi piace ascoltare il parere di tutti, ma solo se costruttivo, espresso in modo educato e soprattutto logico (cioè basato su fatti certi). Ma credo che ci sia molta gente incapace di fare ciò, gente che, prima di parlare o scrivere, dovrebbe anche solo provare a fare la metà delle cose che sono state fatte da questa Associazione. E’ facile giudicare e addirittura distruggere il lavoro degli altri senza nemmeno provare a mettersi nei loro panni. E nel nostro paese questo tipo di persone di certo non mancano .. Purtroppo!
      Comunque .. Ci sarebbero mille altre cose da dire, ma preferisco chiudere con i doverosi ringraziamenti: vorrei dire grazie singolarmente a tutti, ma sono talmente tanti che proprio non posso! Quindi provo a racchiuderli dicendo GRAZIE a tutti quelli che, in un modo o nell’altro, hanno fatto parte di questa Associazione, rendendola una meravigliosa realtà, capace di far emozionare per un gol, una grande parata, un’intervista di Salvatore “Paciullo”, la stretta del corno rosso di “Pitrinu”, l’urlo dallo spogliatoio prima di ogni partita, il sorriso dei bambini a Natale e gli occhi lucidi degli anziani che abbiamo incontrato …
      Ma non posso non ringraziare particolarmente Enzo, Castrenze, Giovanni, Tiziana, Luana, Maria, Santina, i miei più stretti compagni di viaggio che settimana dopo settimana, sotto il sole, la pioggia, la neve, il vento, e chi più ne ha più ne metta!, hanno sacrificato tutte le loro intere domeniche, e non solo, per la semplice passione di seguire questa squadra e che, insieme a me, hanno anche ideato e realizzato ogni singola, bellissima manifestazione, tra le quali voglio citare “Un calcio alla distanza” per ringraziare Maurizio e tutti gli emigrati che hanno tifato con noi..
      Il mio più grande in bocca al lupo va a tutti i nostri ex giocatori che, in cerca di nuove emozioni, hanno scelto altre squadre e a quanti, dopo di noi, continueranno a far vivere i colori giallo-verde.

    16. Caro “alimenese”, non c’è bisogno che aspettiamo che tante cose cambieranno, che già siamo mezzo la m………. . Quest’amministrazione è stato un fallimento anzichè un rinnovamento. Tutti i servizi annullati, la squadra di calcio la formerete con chi? A dimenticavo siete già in 12 a Curione lo mettete in porta, il sindaco come allenatore cosi portà farsi una pennikella. Ma chi volete prendere in giro.
      Quando inizia la scuola, martedi? Chissà quale! Si presentano il Sindaco e il “bassottto” a prendere in giro i ragazzi, incapaci!
      Prendete le disatanze e andate a casa, per qualcuno di voi è ora di andare a “lavurà” anzichè pane a tradimuntu. Mi vergogno di essere alimenese voi no specialmente ogni 27 del mese.

    17. Caro castrenze,vuoi specificare ai signori che per i raduni noi emigrati non abbiamo ricevuto,preteso ed avuto un solo euro,anzi………Non è una richiesta personale, ma un senso di rispetto e dovere verso chi ha contribuito negli anni alla realizzazione dei raduni mettendoci di tasca sua,impegnando tempo e voglia di fare per il paese.e posso citarli tutti,se volete.grazie ed in bocca al lupo e tutti.

    18. La stupidità non ha prezzo, per tutto il resto c’è Mastercard!!

    19. Volevo chiarire le idee all’ “alimenese” e ad altri che passano il tempo ad infangare il lavoro altrui ed invitarli a cambiare sport.
      L’A.s.d. Alimena non si occupa del solo campionato di calcio fine a se stesso, come fanno le altre squadre delle Madonie, che comunque ricevono il finanziamento e sono supportate da imprenditori locali e dal settore giovanile. i nostri imprenditori locali non sono interessati e il tempo per curare il settore giovanile non gioca a nostro favore soprattutto se si vuole fare bene. E quando si hanno dei bambini il fare bene è d’obbligo.
      L’Associazione si occupa di organizzare una serie di eventi per tutto l’anno, come:
      _ Campionato di calcio
      _ Festival natalizio
      _ Carnevale
      _ Calcio alla distanza
      _ Serata giallo-verde con proiezioni video in estate
      _ proiezione delle gare della domenica il venerdi successivo al pub
      _ L’impegno di riprendere tutte le manifestazioni che coinvolgono il nostro paese
      _ Sito web dove vanno a finire foto e video degli eventi, anche organizzati da altre associazioni o dal Comune, riportandoli a favore degli emigrati, rendendo Alimena meno isolata.

      Per lo svolgimento del campionato di calcio l’associazione si avvale di una redazione sportiva che, ogni settimana, si occupa della preparazione della partita, delle riprese, delle foto, del montaggio video, dell’articolo e delle pagelle, per sette mesi circa; alcune associazioni o enti, come li volete chiamare, solo per il video montaggio e foto di una sola giornata hanno pagato, con i soldi del comune, 600 euro.

      Il festival natalizio si articola in tre giornate durante le quali si svolgono diverse attività cercando di coinvolgere tutta la comunità: le donne insegnano ai bambini a preparare le “cucchie” che poi vengono distribuite alle persone meno fortunate, direttamente nelle loro abitazioni, dagli stessi bambini accompagnati dalla banda musicale, si cerca di portare il natale nelle case dei nostri compaesani; si proietta un film per bambini; si organizzano spettacoli musicali, teatrali e serate danzanti, con tombolata finale.

      Il carnevale con tendone, preparazione carro e relativa sfilata.

      Il calcio alla distanza che ha un costo non indifferente e che, per noi, ha un valore di fondamentale importanza per la nostra comunità e per i nostri concittadini lontani.

      Praticamente siamo stati una specie di pro-loco, e non solo durante l’amministrazione Scrivano ma anche durante l’amministrazione Calabrese. Oltretutto vorrei ricordare che i finanziamenti per la squadra non sono stati sempre di 14000 euro ma molti di meno. L’associazione sportiva tiene impegnate circa cinquanta persone e solo otto lavorano per la redazione e in un paese dove nessuno fa nulla per nulla, dove si chiedono anche i soldi per venire a tifare per la squadra del proprio paese, capisco che tutto ciò diventa incredibile, ma per fortuna, al mondo esiste ancora gente che fa qualcosa per passione. Volevo ricordare che l’associazione anticipa tutto di tasca propria con enormi sacrifici per poi ricevere il finanziamento un anno e mezzo dopo se tutto va bene, per esempio ancora l’A.S.D. Alimena attende l’ultima parte del contributo 2011/2012 e l’intero 2012/2013, circa undicimila euro ed entro venerdì scorso si sarebbero dovuti approntarne altri 2.186 € di anticipo per iniziare il campionato 2013/2014.
      L’alimenese vuole risolvere la disoccupazione eliminando il finanziamento per la squadra, ma in un bilancio comunale di oltre tre milioni di euro ti stanno sullo stomaco solo quelli? degli sprechi, che ci sono!!nessuno ne parla.Hai mai sentito parlare di momenti di aggregazione di scambio di idee, di confronto con i tuoi concittadini? No, a te interessa solo distruggere e non creare, chissà, forse si turba la tua psiche?

      Per quanto riguarda i forestieri, sono sempre stati un valore aggiunto per la squadra, il forestiero dopo la partita consuma ad Alimena, porta il genitore e la fidanzata che pernottano e mangiano nei locali ad Alimena e ti aiutano e non poco a vincere e spesso ti insegnano qualcosa.

      Poi volevo chiarire le idee anche al nostro vice presidente del consiglio e consigliere, tu sai che in ogni occasione pubblica ho sempre detto che tutto è nato dall’iniziativa di tre ragazzini: Fabrizio, Gandolfo, e Giovanni, ma purtroppo l’associazione non si è occupata solo di calcio e quando vi siete accorti che c’era di impegnare ogni secondo libero della vostra vita per la squadra vi siete tirati indietro, a parte Fabrizio, con la scusa della gestione poco chiara delle risorse da parte del presidente; ti voglio ricordare che i primi cinque anni i soldi da gestire erano talmente pochi che non vi potevano essere dubbi su tale gestione, c’era solo da capire cosa fare per riuscire a raccogliere i soldi mancanti per coprire tutte le spese.
      Sulla tua alzata di mano per escludere Enzo, ti posso solo dire che io non lo avrei mai fatto per nessuno, ma questo e un vecchio vizio della gente come te; questo non significa che non sei libero di frequentare la gente che ti aggrada vuole solo significare che il rinnovamento non si vede certo da questi comportamenti, mi sembrava di aver capito che bisognava chiarire appianare tutti i vecchi rancori ed andare oltre, forse poi un giorno riuscirai a spiegare perché l’unica cosa che hai saputo fare come uomo politico, come piccolo uomo politico, è stato quello di infangare la dirigenza della squadra nella quale hai giocato per nove anni e la quale hai contribuito a far nascere, forse sei circondato da gente che ti consiglia male cerca di andare oltre e non fare il pusillanime.
      L’A.S.D. Alimena in questi nove anni ha raggiunto dei risultati mai ottenuti nella sua storia: per la prima volta ha vinto una finale promozione per la seconda categoria, per la prima volta, da ripescata, ha disputato il campionato di prima categoria, ha disputato altri due spareggi promozione e uno per non retrocedere. Quindi si sono raggiunti anche dei buoni risultati sportivi.

      volevo chiudere con uno specchietto sui costi fissi (fino ad oggi) solo per la parte “squadra” senza contare tutte le altre attività che svolgiamo durante l’anno di cui sopra:
      - € 4.000,00 iscrizione (annualità)
      - € 1.200,00 costi assicurazione/tesseramento giocatori (annualità)
      - € 500,00 materiale sportivo (annualità)
      - € 1000,00 trasferte (annualità)
      - € 300,00 visite mediche (annualità)
      - € 300,00 ricorsi, stampati federali etc (annualità)
      - € 200,00 stampa abbigliamento

      e siamo già a circa € 8000,00 perchè sicuramente scordo qualcosa. ma veniamo a ciò che manca:

      - Almeno 4 pranzi annuali per 40 persone (un modo di sdebitarsi con i giocatori locali e fare gruppo)
      - Allenatore
      - Rimborso spese e gestione giocatori
      - Videocamera (per 8 anni si è usata quella di proprieta di Enzo albanese costata allora circa 3 milioni di lire)
      - Fotocamera e pc (di proprietà di Giovanni Di Paola)
      - Riprese video e foto (4 persone x 24 domeniche)
      - materiale audiovisivo (circa 60 cassette mini-DV all’anno al costo di € 4.50 l’una)
      - sito web, annualità provider e gestione
      - targhe, coppe e ferramenta vario
      - serata gialloverde durante l’estate
      - gestione campo sportivo (pulizia, segnatura, manutenzione per 7 mesi)
      - Viaggi dei dirigenti con auto propria per disbrigo pratiche
      - etc..etc..etc..
      Mi chiedo e chiedo a quanti hanno sempre avuto la bocca grande se questo è il modo di valorizzare le risorse. “alimenese” stai tranquillo che questi soldi non sono stati spesi male anche perchè hanno avuto un ritorno per la comunità.

    20. Fabio arata come vanno le feste viste da fuori!? Qua il tuo caro amico Giovanni di maggio viaggia come un treno, guida il rinnovamento come un condottiero indomito..quest’anno nel fantacalcio me lo prendo io però,tanto tu e il tuo fratellone sapete a quale santo votarvi per entrare all’usl, tu nel frattempo tieni d’occhio i leghisti e raccontane le gesta sul tuo blog dove avevi cominciato ad ammaliare tutti i cittadini..sei stato un grande, ora anche altri tuoi parenti sono a posto, puoi restare lì tranquillamente tranne che non decidi di farti anche tu la terza categoria..meno mali ca siti tutti laureati..aiutoooo

    21. Quando era la pro-loco a prendere quei soldi per fare solo 2 eventi durante tutto l’anno ti andava bene “alimenese”? Non parlare ai cittadini come se fossi il tranquillizzatore dei miei stivali, quando parli di Enzo e i suoi amici, prima lavati la coscienza, e vergognati seriamente, lui la sua parte l’ha fatta e come!!!dovreste fargli una statua a quel ragazzo..questo paese è ridotto così male proprio perchè esiste gente come te che usa i neuroni solo per esprimere invidia e cattiveria, non sapete fare altro…ma ora assisteremo al ritorno della proloco, da covo politico si trasformerà in covo politico 2, dove questa volta per la nuova serie anche il sindaco saprà apprezzare..mahh cosi cosi strani

    22. Che brutta notizia ! Appena rientrato dalle ferie,non conosco tutti i motivi perche’ non si riesce a fare la squadra ,una cosa è certa ,il paese ne subira’in prestigio.Peccato, peccato davvero

    23. cari concittadini , state tranquilli che anche senza enzo albanese e i suoi amici la squadra di calcio si farà, senza spendere 14,ooo euro. se ci sono persone che si devono vergognare sono altri, questa amministrazione di sicuro non ha interessi personali da curare . agli alimenesi dico abbiate fede e date tempo di sicuro molte cose cambieranno.

    24. Cosa da non crederci, il nostro paese è ridotto male anzi malissimo. La nostra preziosa squadra di calcio non esiste più, il liceo è già chiuso da 15 giorni e prendete in giro ragazzi e gentori chissà perchè? Il servizio civile non parte per quest’anno anzi non solo ma anche per gli anni successivi perchè non si sa nemmeno, il servizio anziani non è ancora attivo. Mi sapete cosa farete in futuro per noi alimenesi, spero proprio che non ci proporrete la ludoteca e i carrozzoni. Abbiamo bisogno di lavori e non di queste cretinate. Mi sembrate la “mini-amministrazione” ma avete sbagliato luogo, il comune è un luogo serio. Spero che vi rendiate conto e vi fate da parte che non è cosa vostra amministrare un paese. Vergonatevi!!!!!!!!!!!!!!!

    25. Che dire?……

    26. Qualcuno porta sfiga all’attuale amministrazione.
      Se manca qualcosa aiutatemi:
      Fine(speriamo momentanea) dell’attività sportiva denominata calcio;(speriamo non si trasferisca anche l’unico campione MONDIALE di sollevamento pesi che abbiamo )
      Chiusura del liceo linguistico;
      Ritirati(forse) i finanziamenti(promessi) per sistemare la strada che porta all’autostrada;
      Rilascio di autorizzazione in luogo pericoloso a giostraio con conseguenziale ritiro e sputtanamento mediatico;
      Futura e prossima apertura dello svincolo Irosa;
      Probabile accorpamento dei Comuni sotto i 5000 abitanti;
      Cosa manca?

    27. E che volete che sia!!!!!
      Oggi i ragazzi hanno tantissimi sport da praticare ad alimena:
      1. a ccu cunta cchiu valati;
      2. a ccu ci veni ppi prima u culu chiattu o murettu;
      3. ccu fa ncazzari ppi prima a francu;
      etc etc…
      questi sono sport che fanno crescere i bambini di Alimena fino a farli diventare ragazzi e poi uomini.
      Lo sport fa male Cielo diciono anche i Medici.
      Continuando così non resta che iniziare ad allenarsi per la corsa con la sedia a rotelle.
      A parte u babbiu penso che con questo si sia toccato il fondo e si continui verso la scomparsa definitiva del paese.
      Non me ne vogliate (e non offendetevi) ma solo un egoista stolto può decidere di mettere al mondo un figlio ad Alimena. Come nel film l’immortale:
      Alla fine ne resterà solo uno…..vecchio e sgangulatu.
      E adesso tutti al parco di sta mazza a far festa.

    28. ……..senza parole……..

    29. si doveva mettere fuori un cartello in piazza con la scritta:regalasi attivita’ sportiva .nessun grattacapo e lautissimi guadagni.cosi tutti i critici del paese si sarebbero fatti avanti.ma ne dubito fortemente.tanta lingua,poche PALLE.

    30. e bravi a tutti !!!!!!!!!!!!!!!ora fati u torneo di cutugna,geni rampanti.sono gialloverdi,mette in evidenza il paese (che è a vostra immagine e somiglianza)e soprattutto avete ottime chances di ottenere lodevoli piazzamenti.certo….siete i soli a partecipare,gli altri paesi non hanno il vostro altissimo quoziente socio-culturale-politico.chapeau,chapeau.vedo il vice pres.che palleggia con 2 cutugna.che bravo.ora dove va a giocare?e guarrai ?

    Lascia un commento

    Prima di essere pubblicati saranno approvati dal moderatore

      Come formattare il testo
    • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
    • Tag HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
    • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


    << PRECEDENTE
    SUCCESSIVO >>


    Torna su




    Segui alimenaonline.eu su FACEBOOK



    Ultime News SITI AMICI